Spinning Feelings: Eliminare Sensazioni Negative con la PNL

Di 7 aprile 2020News, PNL
Tutor della Scuola di PNL
Ciao, ottieni subito approfondimenti su questo contenuto!
Roberta è un Tutor della Scuola di PNL con il quale puoi approfondire il contenuto
di questa pagina. Il supporto è gratuito.

La tecnica Spinning Feelings serve ad eliminare sensazioni negative. Un traguardo importante per gestire meglio le proprie emozioni con la PNL

Spinning Feelings: Eliminare Sensazioni Negative con la PNL

Molto spesso le persone non riescono a gestire se stesse, le proprie emozioni e i propri comportamenti poiché non hanno gli strumenti necessari ad eliminare le sensazioni negative che stanno alla base del circuito pensiero-stato d’animo-comportamento. La PNL fornisce una tecnica veloce e pratica per eliminare sensazioni negative e cambiare stato d’animo con estrema facilità.

Eliminare sensazioni negative con la PNL: l’uso dei sensi e dei canali rappresentazionali.

Quando si parla di sensazioni ci si riferisce al prodotto dei sensi: vista, udito, tatto, olfatto, gusto. Di conseguenza, la modifica e la successiva eliminazione di sensazioni negative necessita di un “intervento diretto” su questo prodotto. Le persone vivono le esperienze della loro vita attraverso l’impiego dei cinque sensi: dall’accadimento, che è essenzialmente un fatto storico, ricavano la cosiddetta “esperienza soggettiva”, ovvero l’insieme di elementi che compongono come hanno vissuto quel determinato episodio della loro vita, quali sono le immagini che ricordano, quali i suoni e/o le parole, quali sensazioni tattili, olfattive, gustative.

Vengono utilizzati i canali rappresentazionali, i filtri neurocognitivi che traducono le esperienze in immagini, suoni, sensazioni e che, allo stesso modo, permettono al cervello di immaginare il futuro creando immagini, suoni, sensazioni. Tutti questi elementi, se rapportati alle esperienze passate, concorrono a formare il ricordo di un vissuto, che può essere lieto, divertente o, al contrario, doloroso, fastidioso, triste.

La PNL è lo studio della struttura dell’esperienza soggettiva, poiché si basa sul principio per cui è sufficiente modificare il “come” si pensa a quell’esperienza, per modificare l’esperienza stessa e, automaticamente, le sensazioni che ne stanno alla base.

Facciamo un esempio. Se una persona ha paura di parlare in pubblico, nella maggior parte dei casi si raffigura nella mente l’immagine di sè che si blocca dinanzi alla platea, o richiama alla mente il ricordo di un episodio simile nel quale ha fatto brutta figura. A tale ricordo/immagine sono legate sensazioni come un nodo allo stomaco, un groppo in gola, un senso di pesantezza alle gambe o sulle spalle, tanto che, al richiamo dell’immagine, il corpo richiama repentinamente anche la sensazione negativa a livello fisico.

Le sensazioni cinestesiche hanno la particolarità di essere percepite fisicamente ed è proprio per questo motivo che la PNL permette di eliminare le sensazioni negative mediante una tecnica che agisce sicuramente sul pensiero, ma lo fa sfruttando le modalità con cui la mente si rappresenta la sensazione a livello fisico/cinestesico.

E’ possibile agire indirettamente sulla sensazione negativa, passando attraverso la modifica delle caratteristiche di immagine e suoni, oppure si può agire direttamente sul canale cinestesico, cambiando i connotati della sensazione corporea. Per poterlo fare concretamente e in modo veloce, in entrambi i casi, dobbiamo ricorrere allo strumento delle sottomodalità.

Corso di PNL

Usare le sottomodalità della PNL per eliminare sensazioni negative

Le sottomodalità sono le caratteristiche specifiche delle immagini, dei suoni e delle sensazioni. Si tratta di sotto-elementi che specificano il modo d’essere del prodotto dei canali rappresentazionali. Ad esempio, se la persona che ha paura di parlare in pubblico conserva nella mente il ricordo di una pessima figura dinanzi alla platea, l’immagine di tale accadimento può essere a colori o in bianco e nero, nitida o sfocata, lontana o vicina, grande o piccola, ferma o in movimento, etc. Così i suoni (ad esempio le parole della platea, o i fischi, o le mani che applaudono) possono essere di volume basso o alto, lontani o vicini, intensi o meno. Le sensazioni possono essere più o meno intense, come ad esempio la sensazione di freddo o caldo, l’odore pungente dei fiori posizionati vicino al palco, etc.

Per eliminare le sensazioni negative con la PNL bisogna usare nuove sottomodalità, ossia cambiare le sottomodalità negative esistenti (quelle legate al ricordo, che producono paura, rabbia, tristezza) con altre sottomodalità, idonee a generare sensazioni positive.

Cambiando le sottomodalità, cambiamo la mappa del mondo, intesa come la rappresentazione soggettiva dell’esperienza che ogni individuo crea nella sua mente. Infatti, non è l’evento vissuto (il contenuto dell’esperienza) la parte importante; l’essenza sta nel “come” ce lo rappresentiamo e il significato che attribuiamo allo stesso. Di conseguenza, cambiando come ci rappresentiamo l’esperienza, cambieremo l’esperienza stessa.

In che modo? Semplicemente utilizzando le sottomodalità e modificandole in modo opportuno, tanto da rendere l’esperienza diversa e neutralizzarne gli effetti negativi. Eliminare sensazioni negative è l’effetto del sapiente uso delle sottomodalità.

Ecco che potremo agevolmente giocare con le sensazioni, agire creativamente con lo scambio di sottomodalità, proprio come se fossimo in possesso di un mixer e potessimo alzare e abbassare il volume dei suoni, o come se stessimo usando un programma di modifica di una foto e così cambiare “volto” alle immagini. E’ chiaro che, se desideriamo “spegnere” un carico emotivo negativo e quindi le sensazioni negative che ne sono alla base, dovremo usare sottomodalità adeguate come ad esempio le sottomodalità visive bianco/nero, distanza, dimensione piccola, immagine sfocata, etc… ovvero trasformare l’immagine da nitida, colorata, vivida, in un’immagine in bianco e nero, sfocata, spenta, così come spente diventeranno le sensazioni e le emozioni ad essa collegate.

Consideriamo che il cervello non distingue tra il vissuto e l’immaginato, per cui l’uso sapiente dei canali sensoriali e la corretta modifica delle sottomodalità crea una nuova esperienza, sulla stessa base di contenuto esistente. E’ evidente, infatti, che non possiamo modificare quello che è successo, ossia il vissuto. Possiamo però modificare come percepiamo l’evento stesso, la struttura dell’esperienza, lo stato d’animo che si accompagna al ricordo dell’evento.                

Tutto avviene nell’immaginazione, nella mente. Occorre pensare a quell’episodio creando immagini, suoni e sensazioni diverse, positive, incoraggianti. La fisiologia farà il seguito: immaginando la scena del parlare in pubblico, nel caso dell’esempio fatto, non si avvertirà più il groppo in gola o il nodo allo stomaco, ma una improvvisa e piacevole sensazione di calma e tranquillità.

Dunque, finora abbiamo esaminato la possibilità di modificare le sensazioni e lo stato d’animo corrispondente ricorrendo alle sottomodalità visive e auditive, per ottenere “a cascata” un effetto demolitorio delle sensazioni cinestesiche. E se invece volessimo agire direttamente sulle sensazioni cinestesiche? In che modo la PNL può aiutarci ad eliminare le sensazioni negative in modo ancora più veloce? Vediamo come fare.

La tecnica di PNL per eliminare sensazioni negative: Spinning Feelings

Richard Bandler ideò una tecnica veloce ed efficace per eliminare le sensazioni negative agendo direttamente sul canale cinestesico. Per poterla applicare, occorre modificare le sottomodalità cinestesiche legate all’esperienza soggettiva. Affinchè la tecnica funzioni, bisogna far rivivere la sensazione negativa a livello corporeo, per avviare un processo di cambiamento idoneo a cambiare l’esperienza attraverso la modifica delle sensazioni cinestesiche.

Il primo passaggio è quello di localizzare su se stessi (in caso di autoapplicazione della tecnica) o chiedere alla persona di localizzare (in caso di applicazione su altri) la sensazione a livello corporeo. Le sensazioni, in quanto tali, sono percepite dal corpo e si muovono all’interno in varie direzioni. Possono muoversi in senso orario o antiorario, avanti oppure indietro. Possono essere collocate e avvertite in vari punti del corpo: lo sterno, lo stomaco, le spalle, le gambe, la testa, etc.

La tecnica Spinning Feeling ha lo scopo di eliminare le sensazioni negative. Per dirla con le parole del Dott. Bandler, attraverso il processo attuato con la tecnica “Spinning Feelings”, improvvisamente il cervello inizia, a livello inconscio, a ricodificare l’esperienza.

La tecnica prevede i seguenti passaggi:

  1. Localizzare la sensazione che si desidera eliminare in un punto preciso del corpo;
  2. Notare in che direzione si muove la sensazione e riprodurre il verso con la mano (senso orario, antiorario, avanti o indietro, in alto o in basso)
  3. Aumentare la velocità del movimento della sensazione
  4. Portare fuori (dissociare) la sensazione dal corpo
  5. Rallentare la sensazione fino a fermarla
  6. Cambiare il verso della sensazione (muoverla in senso opposto)
  7. Riportare dentro la sensazione (riassociare);
  8. Pensare a una situazione che fa sentire bene (sensazione positiva) e individuare in che direzione si muove la sensazione di benessere
  9. Espandere la sensazione dal nuovo punto in cui è stata collocata a tutto il corpo
  10. Notare la nuova sensazione ed eventualmente ancorare
  11. Testare la tecnica tentando di recuperare la vecchia sensazione
  12. Ricalcare sul futuro pensando a una di quelle situazioni che avrebbero determinato l’insorgere della vecchia sensazione e usare la nuova sensazione come nuovo strumento per affrontarla.

Come è possibile notare dalla lettura dei passaggi della tecnica, il processo utile ad eliminare sensazioni negative con la PNL è una vera e propria ristrutturazione delle sensazioni cinestesiche. Infatti, la tecnica Spinning Feelings prevede la demolizione della sensazione negativa attraverso il cambio di sottomodalità e la sostituzione della sensazione negativa con la sensazione positiva attraverso la costruzione di una nuova esperienza dotata di sottomodalità completamente diverse.

Da non sottovalutare la fase di Test, utile a verificare la buona riuscita della tecnica, e l’ultimo passaggio del Ricalco sul Futuro, di cui abbiamo parlato in altro articolo del blog, che rende definitivamente acquisito il nuovo schema di pensiero, così permettendo alla persona di vivere l’esperienza in modo completamente diverso. Nell’esempio della paura di parlare in pubblico, la persona che ha sperimentato questa tecnica di PNL ha creato una nuova sensazione e quindi prodotto un nuovo e più funzionale stato d’animo, che le consentirà di affrontare la prossima esperienza dinanzi alla platea in modo calmo e sereno.

Eliminare le sensazioni negative è facile e veloce se decidi di governare la tua mente con la PNL.

Federica Palumbo

Autore Federica Palumbo

Coach Professionista e Tutor della Scuola Italiana di Life Coaching. Laureata in giurisprudenza, ha lavorato per diversi anni come Direttore Marketing in un’importante Azienda sanitaria. Vanta una profonda esperienza nel settore marketing e comunicazione; ha promosso e curato personalmente la stipulazione di accordi e convenzioni a livello nazionale con enti pubblici, grandi imprese e le più importanti associazioni di categoria. Master Pratictione in PNL, negli anni ha maturato una vasta esperienza nella gestione delle risorse umane, coordinando e guidando gruppi di lavoro nel conseguimento di importanti obiettivi di crescita e sviluppo del team. E’ esperta di autostima, comunicazione e relazione efficace, tecniche di vendita, motivazione, team building e outdoor training. Da sempre appassionata di Formazione e Crescita personale, dirige il Network Prometeo Coaching®.

Altri post di Federica Palumbo